tu mi turbi roberto benigni

“Tu mi turbi”: la divertente scena di Roberto Benigni in banca

Penso che la maggior parte di voi sia convinto che Roberto Benigni sia uno tra gli attori comici che fa davvero ridere tutti! Per farvi sorridere ancora un po’ abbiamo scelto questo video tratto dal film “Tu mi turbi” e, in modo particolare, abbiamo selezionato la divertente scenetta della banca che abbiamo preso dal canale di Youtube di Roberto Roby Rossi.

Il film è del non tanto lontano 1983 ed è diretto da Roberto Benigni. Inoltre, è diviso in quattro episodi davvero unici: Durante Cristo (l’attore deve fare da baby-sitter al piccolo Gesù che fa tanti miracoli a casa), Angelo (qui, invece, vaga disperato per la città perché non trova più il suo angelo, di cui è innamorato e che ha sposato), In Banca (Benigni va in banca per sapere cosa deve fare per comprare una casa, ma non è così facile perché gli servono 100 milioni di lire) e I Due Militi (Roberto ed un suo collega sono davanti all’Altare della Patria per proteggere e fare da guardia al milite ignoto). [Fonte Wikipedia]

La scena divertente della banca fa ridere quasi tutti! Infatti, qui l’attore è alle prese con l’acquisto di una casa, ma non sa cosa fare perché gli servirebbero circa 100 milioni di lire. Essendo anche disoccupato riceve il consiglio di farseli dare da un istituto bancario, ma non è semplice e il direttore gli fa domande e richieste quasi assurde. L’attore trova sempre il modo di rispondere simpaticamente in questo spettacolare sipario.

Inoltre, quando stanno discutendo per avere questo prestito, Benigni si altera perché il direttore sembra che non gli voglia concedere niente e Roberto paragona la banca ad un ortolano che prima di darti una melanzana vuole essere sicuro di averne tante.

Infine, arriva a litigare con il direttore e viene portato fuori da due gendarmi, finendo in una bella cella, invece che in una casa!

Chi ha mai visto questa scena divertente? Vi è piaciuta?

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *